caserma abbandonata

Ex caserme Fantina e Zanibon – Pontebba

Dopo la caserma Zucchi, ci siamo spostati a Pontebba dove abbiamo scoperto prima la caserma Fantina, che risulta completamente chiusa, poco lontano ecco però alcuni ruderi e quel che resta dell’ex caserma Zanibon. Vogliamo capire la grandezza del comprensorio e ne percorriamo il perimetro, trovando la recinzione divelta.
A differenza di altre strutture della zona, sono poche le informazioni reperibili in questo caso, leggiamo comunque che in alcuni siti la Zanibon viene indicata come “quasi completamente demolita”, invece gli edifici in piedi ci sono ancora, anche se versano in condizioni pessime e con alcuni crolli evidenti. L’unico ancora utilizzato, dall’Ana (Associazione Nazionale Alpini), è il più grande, ma solo parzialmente. Tra le notizie in rete si trova anche un’ ipotesi del 2005 di trasformare la Zanibon in zona turistico-residenziale, per la realizzazione di strutture alberghiere e di residence. Progetto mai decollato.

CASERMA FANTINA
CASERMA FANTINA

Prima osserviamo comunque la Fantina dall’esterno, che dista solo pochi metri da un gruppo di villette. Ha una superficie di 8.000 mq, e tuttora conserva un muro perimetrale alto, con cancelli ben chiusi. Quello principale si affaccia sulla strada. Ma fino a qualche anno fa non era così. Sul web girano parecchie foto di persone che hanno trovato tutto aperto e quindi sono entrate. Sono immagini del 2009, che mostrano già un comprensorio danneggiato e in stato di degrado. E da fuori pare così. Nel tempo ovviamente la situazione è peggiorata e non pare ci sia in atto o in previsione qualche iniziativa di recupero o almeno parziale riutilizzo.

CASERMA ZANIBON
CASERMA ZANIBON

La nostra attenzione si sposta quindi alla Zanibon. Entrando dalla parte retrostante vediamo un lungo edificio basso, non ci andiamo, sembrano solo vecchi magazzini vuoti, prima di un enorme prato. Proseguendo ecco le prime palazzine, senza porte e in condizioni generali davvero pessime. La prima ha una parte del tetto e la grondaia crollata. Non esistono porte o infissi. Proseguendo troviamo alcuni spazi anche questi utilizzati probabilmente come magazzini e poi ci appare un edificio molto più grande, a uno solo piano anche questo, parecchio lungo. Esternamente notiamo delle scritte incise sull’intonaco, vanno dal 1980 al 1983. Difficile capire i messaggi, ma le date sono ancora molto nitide.

CASERMA ZANIBON
CASERMA ZANIBON

Dentro si susseguono stanzoni, uno dopo l’altro, probabilmente una prima parte di uffici, poi la grande cucina, dove il tetto è completamente crollato e la vegetazione cresce indisturbata. Poi altre stanze con grandi lavandini e ancora uno spazio immenso. Poi ricomincia un prato che porta alla palazzina principale, che in questo caso ha diversi piani, ma è recintata, come fosse staccata dal resto del sito. Facciamo il percorso a ritroso e torniamo sulla strada, per esaminare da fuori proprio questa palazzina. Arriviamo così davanti a un cancello e scopriamo che una piccola porzione è utilizzata dall’Ana, ma davvero piccola rispetto al resto dell’edificio che appare piuttosto malmesso.

4

Tra Fantina e Zanibon anche in questo caso ci troviamo davanti a due enormi siti dimenticati al loro destino o quasi. Restano sul web le testimonianze di chi ha passato un pezzo di vita qui e ancora ricorda momenti piacevoli, tra il lavoro da militare e la pace di un’atmosfera un po’ isolata, in mezzo ai monti.

@PUBBLICAZIONE RISERVATA

Condividilo con i tuoi amici:

5 commenti

  1. Per la caserma Zanibon ricordo la cucina dove si vede bene il pass da dove distribuivano il rancio di scarsa qualità,ma la fame era tanta (sicché on mangi sta minestra o salta dalla finestra) Ho frequentato quei locali dal 1971 al 1972.

  2. u vero peccato vedere la Zanibon cosi ridotta così ridotta io ci sono stato dal
    5 dicembre 67 al 28 agosto 68 giorno del congedo.

  3. ho fatto il militare alla caserma zanibon di pontebba negi anni 66-67 cercavo qualche foto dell’interno della caserma ma non si vede nulla nemeno dell’esterno di allora benchè si dica erano anni un po spensierati , nonostante tutto . ho dei bei ricordi di gioventu il comandante di allora era il ten. col. bonvicini,e il mio comandante di compagnia era il ten. antonelli poi diventato generale di c.d’armata. ricordo in particolare un mio amico caporale denardi mario che saluto. mori adler.

    • cercavo foto della caserma zanibon degli alpini del gemona degli anni 66-67 magari qualche foto della classe 1947. l’allora comandante era il ten.col. luigi bonvicini , ed il comandante della mia compagnia era il ten. antonelli poi diventato gen.di corpo d’armata.se qualcuno ha foto della caserma esterne ed interne e di qualche gruppo. saluto il caporale e compagno di naia denardi mario. sluti adler mori

  4. La palazzina che dici di essere usata in parte dall’ A.N.A.era la palazzina comando con sede del circolo ufficiali ora usato da A.N.A.più vari uffici quali com di Battaglione aiutante maggiore uff. vettovagliamento e in fondo verso la porta carraia c’era l’infermeria.

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *