ex mensa crda

Ex fabbrica macchine – Trieste

E’ un rudere che ormai tutti notano da tempo e che, incastonato tra gli impianti sportivi della zona, si erge nel suo degrado da oltre 40 anni. Un’altra struttura del passato glorioso e produttivo di Trieste abbandonata al suo destino.

Fabbrica

Quella che comunemente conosciamo come ex Fabbrica Macchine di Sant’ Andrea, nasce dalla fonderia di metalli di Giorgio Strudthoff a metà ‘800, che poi diventerà un’impresa imponente con una rilevanza nazionale. Chiuse i battenti nel 1971 dopo 136 anni di attività e il massimo splendore toccato negli anni ’50 quando raggiunse gli 85mila metri quadrati tra le varie palazzine, che comprendevano anche l’attuale fabbricato, unico rimasto in pieni, che era l’ex mensa, conclusa nel 1958 e nata per ospitare duemila operai. L’immobile conta cinque piani, con ingresso sulla via Carli e con ulteriori accessi secondari.

Fabbrica2

Dagli anni ’70 il sito è gradualmente caduto nel dimenticatoio. Da fuori si nota l’imponente mole, con quasi tutti i vetri rotti o comunque danneggiati. La fabbrica è stata, ed è tuttora, nonostante alcuni sbarramenti, meta di vandali che hanno imbrattato ogni superficie rimasta. Potremmo definirlo senza mezzi termini il tempo dei writer, tanti sono i graffiti colorati impressi in tutti ambienti.
Dentro lo spettacolo è desolante, scritte e vernice sui muri, bombolette dimenticate in vari angoli, ancora qualche vecchio mobile semi distrutto. E poi assi di legno, pezzi di ferraglia, immondizie e in alcuni punti l’edera ha pure invaso i locali. Su tutto infiltrazioni, mattoni sollevati, calcinacci e infissi caduti.

Fabbrica3
C’è anche un vecchio ascensore pieno di ruggine. I pochi segni del passato si intravedono nei pannelli dedicati probabilmente ai turni dei dipendenti o nella scritta segnata sul pavimento CRDA 1958, anno in cui la mensa è stata ultimata. Fa strano pensare che nel pieno dell’attività qui ogni giorno entravano ben 2mila persone.

Nel 2005 si legge di un tentativo di vendita all’asta a due milioni e mezzo di euro, dopo il mancato accordo con il Ministero delle Finanze, che aveva manifestato un iniziale interesse all’acquisto. Ma di quell’asta, o di ulteriori tentativi, emergono ben poche notizie successivamente.
Di recente si legge che l’immobile è stato inserito nel piano delle alienazioni del Comune di Trieste. E lì è rimasto.

Fabbrica4

Attualmente versa in condizioni davvero precarie, servirebbe in primis una messa in sicurezza generale di accessi e struttura, per evitare crolli o scongiurare il continuo via vai, spesso di ragazzi, segnalato a più riprese.
La scritta che appare fuori dall’ingresso (impressa anche questa con una bomboletta spray) sembra quasi avvertire in qualche modo la pericolosità del luogo: “chi entra non esce”…..

@PUBBLICAZIONE RISERVATA

Condividilo con i tuoi amici:

3 commenti

  1. Dopo dalla Fabbrica Macchine sono passato alla Grandi Motori Trieste e oggi neanche quella non esiste più, menomale che sono in pensione da tanti anni, ma NON DIMENTICO!!!

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *