Ex park hotel

Un baluardo del degrado triestino. Costruito a fine ‘800 come Stazione di Posta, dove era fissato il cambio dei cavalli del servizio postale, dai primi anni del ‘900 diventa un albergo, più volte ampliato.
Tutto è stato completamente abbandonato dal 1985, danneggiato a più riprese e oggetto di una lunga serie di progetti mai partiti. Tra albergo, spazi verdi e complesso retrostante, dotato di piscina e campi sportivi, ha una superficie complessiva di ben 61.918 metri quadrati. E sono tanti! Il periodo di maggior splendore risale agli anni ’70, quando l’ampia terrazza ospitava momenti conviviali ed eventi, davanti alla splendida vista aperta sul golfo.
E sì che con quel panorama, nelle fresche serate estive, c’è chi ricorda splendidi aperitivi, feste e semplici momenti conviviali e nel complesso sportivo giornate di sole in piscina, tornei di tennis, musica e intrattenimenti. Cos’è rimasto? L’hotel è un colabrodo, tra pezzi distrutti, infissi divelti, buchi dovuti ad incursioni rattoppati con mattoni, la piscina piena di acqua melmosa, che racchiude rifiuti di varia natura. Tutto ciò che era rimasto, e qualcuno parla di mobili e suppellettili, è stato rubato a più riprese. Anche qui ci colpisce in modo negativo il tracollo mai frenato. Fantastichiamo guardando soprattutto il complesso sportivo, qui davvero si potrebbe fare di tutto, un centro per i ragazzi, per società sportive, per feste private. Invece niente è ormai recuperabile.

Negli anni le ipotesi di riutilizzo sono state tante, così come le proprietà che si sono alternate nel corso del tempo. C’è chi voleva farne di nuovo un albergo, chi voleva stravolgere completamente l’originale destinazione, chi sperava di trasformarlo nella foresteria per la Sissa. Alla fine degli anni ’80 correva la voce che pure il re delle diete Mességué aveva puntato all’ex hotel per farne un centro benessere. Niente di niente.
Di sicuro c’è che all’interno sono stati girati film dell’orrore, ci sono stati set fotografici improvvisati ed è stato rifugio per senza tetto, per molti anni.

@PUBBLICAZIONE RISERVATA

Condividilo con i tuoi amici:

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *